Cambi di stato, Mostre

Density Room

Project
  • where Wild Mazzini
  • date 14.09.2018 - 28.10.2018
  • notes Video

La mostra collettiva è realizzata dal DensityDesign Lab del Politecnico di Milano e Wild Mazzini per la stagione espositiva Cambi di stato.

Attraverso i linguaggi del video e del digitale, tredici progetti realizzati da altrettanti studenti esplorano in un totale di 15 minuti temi sociali, ambientali e tecnologici, portando alla luce aspetti della realtà altrimenti nascosti nella complessità dei fenomeni e nella vasta mole dei dati che questi producono.

Frutto del lavoro sviluppato da Paolo Ciuccarelli e Salvatore Zingale, questi progetti nascono come esercizi di Infopoetry, tra il 2015 ed il 2018, con l’obiettivo di ibridare le tecniche dell’information design con un approccio poetico alla rappresentazione della realtà.

I dati sono una costruzione, tecnica e culturale, rappresentazione sintetica di un fenomeno che troppo spesso gli stessi dati schermano e nascondono. La sfida poetica lanciata ai nostri studenti vuole stimolare la coscienza di quei fenomeni e la capacità di farli “sentire” oltre che vedere attraverso i dati. – Paolo Ciuccarelli

La mostra, che ospita i lavori di Giulia Piccoli Trapletti, Francesco Bianchi, Marta MandileChiara BonsignoreYue QiuValeria BrienzaSofia GirelliFrancesco GiudiceGiovanni Battista PesariniMarta MorandiPietro CedoneCaludio Fabbro, offre allo spettatore un’indagine su eventi e fenomeni della contemporaneità attraverso la trasformazione di dati strutturati e non strutturati in esperienze coinvolgenti.

DensityDesign

DensityDesign è un Laboratorio di Ricerca del Dipartimento Design del Politecnico di Milano, dedicato alla rappresentazione visiva di complessi fenomeni sociali, organizzativi e urbani.
L’obiettivo di ricerca è quello di sfruttare il potenziale della visualizzazione delle informazioni e dell’information design e fornire artefatti visivi innovativi e coinvolgenti per consentire a ricercatori e studiosi di costruire argomenti solidi.

Riordinando i dati numerici, reinterpretando le informazioni qualitative, localizzando le informazioni geograficamente e costruendo tassonomie visive, è possibile sviluppare una visualizzazione diagrammatica, una “scorciatoia” grafica per descrivere e svelare le connessioni nascoste di sistemi complessi. Le visualizzazioni sono aperte, inclusive e conservano molteplici interpretazioni di fenomeni complessi.

DensityDesign si impegna a collaborare con altri ricercatori e organizzazioni dedite all’indipendenza e al rigore accademico, all’indagine aperta e all’assunzione di rischi per migliorare la nostra comprensione del mondo.