Noi e i dati: incontro con Matteo Moretti

2018/10/19

Il 18 ottobre Wild Mazzini ha ospitato l’incontro Noi e i dati: leggere le comunità attraverso l’information design, frutto della collaborazione con Piemonte Visual Contest.

Tra i cento ambasciatori del design nel mondo, l’ospite Matteo Moretti ha raccontato il delicato tema del rapporto tra dati, il loro utilizzo e la loro comunicazione. Attualmente ricercatore presso l’Università di Bolzano, dove coordinala la piattaforma Visual Journalism, è anche designer e TEDx speaker.

Nel corso dell’incontro Moretti ha raccontato l’esperienza del progetto che nel 2016 gli è valsa la vittoria del prestigioso del Data Journalism Awards con il progetto Repubblica Popolare di Bolzano. Il lavoro, che coniuga visual journalism e antropologia, fa leva sulla necessità di un approccio multidisciplinare per affrontare in modo comunicativo i dati. Si è parlato anche di junk news, quelle notizie che non ci nutrono ma anzi avvelenano: in questo quadro Moretti ha posto dunque l’accento sull’atto di responsabilità che comporta la comunicazione di un’informazione. Una sana informazione, così come una sana alimentazione, specie se arricchita da un’estetica visivamente appagante, può dunque giovare alla nostra salute di cittadini. Il design in questo senso aiuta il giornalismo a rendere “digeribili”, continuando la metafora alimentare, contenuti riguardanti fenomeni anche spesso complessi, come ad esempio quello delle migrazioni, oggetto della mostra che Wild Mazzini inaugurerà l’1 novembre.

A concludere l’incontro, l’intervento di due delle promotrici del Piemonte Visual Contest, concorso ideato dal Consiglio regionale del Piemonte, il Consorzio TOP-IX e CSI Piemonte, in collaborazione con il Dipartimento interagendo di Scienze, Progetto e Politiche del Territorio. Il progetto, finalizzato alla sensibilizzazione dei cittadini verso una cultura open e trasparente, coinvolge amministrazione e politiche pubbliche al fine di migliorare gli stili di vita e aumentare la sostenibilità ambientale del territorio. La scadenza, il 16 novembre 2018.